In viaggio sulla Route 66: la strada più famosa d’America

La Route 66 è una strada storica, una delle prime a scorrimento veloce, quindi assolutamente da percorrere almeno una volta, se si visita l’America. Conosciamola meglio.

Route 66: caratteristiche

È anche nota come Mother Road (Strada Madre), Highway 66, United States Route 66, Main Street of America e Will Roger Highway. Collega Chicago a Santa Monica passando per più stati federati, in ordine da est ad ovest: Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California. Nacque come collegamento tra le due coste, ovvero quella orientale e quella occidentale.

Vi state domandando quanto è lunga? Quasi 4.000 chilometri, equivalenti a oltre 2.000 miglia. La Route 66 è famosissima proprio perché attraversa 8 stati e da sempre è percorsa da svariati viaggiatori per esigenze lavorative, di mobilità o turistiche.

Cenni storici

Aperta l’11 novembre del 1926, fu usata per le migrazioni ad ovest, in particolare per sfuggire dalle tempeste di sabbia che colpirono il territorio negli anni ’30 del ‘900, ma fu anche risorsa economica per risollevarsi dalle periodiche difficoltà, perché questa strada rese più collegati e più prosperi gli stessi stati attraversati. Per questo molte popolazioni si sono battute, perché mantenesse intatta la sua importanza anche dopo la costruzione dell’Interstate Highway System, ovvero il nuovo sistema autostradale ad accesso controllato, tuttora in ottimizzazione.

Infatti, nel 1956 il Presidente Dwight Eisenhower firmò il Federal-Aid Highway Act (l’Atto per l’aiuto federale delle autostrade). Voleva applicare un sistema già conosciuto in Germania, dove le autostrade tedesche venivano chiamate autobahn, e permettevano trasferimenti ad alta velocità. Intuì subito gli effetti a lunga durata di una tale innovazione.

La famosa autostrada Route 66, dopo essere stata dismessa negli anni ’80, fu tutelata proprio grazie al suo valore storico e oggi è presente in tutte le mappe, benché non in tutti i suoi tratti.

Quanto tempo ci vuole per percorrere tutta la Route 66?

Per percorrerla tutta (da Chicago a Santa Monica o viceversa, da ovest a est) ci vogliono circa 30 ore senza fermarsi, e con una velocità di 80 miglia all’ora; con le dovute fermate, invece, 15 giorni o poco più. Nel primo caso un’impresa per pochissimi valorosi temerari, i più si accontentano di percorrerne una parte, oppure prendersi una ventina di giorni di tempo per assaporare il tutto, e immortalare l’esperienza con le immancabili fotografie. Chiaramente, oltre i venti giorni di viaggio i costi sono molto poco competitivi, meno accessibili, ma anche 5 – 6 giorni possono essere sufficienti per conoscere bene un tratto caratteristico di quella zona, con alcuni dei suoi Stati e attrattive. Inutile dire che è possibile viaggiarvi con ogni mezzo, dall’auto alla moto, autonomamente o in viaggio organizzato.
Per chi desidera quantificare quanto può durare un viaggio sulla Route 66, esiste uno strumento a portata di click: il Tool TheRoute-66.com.

Piccole e grandi attrazioni

In direzione Arizona è possibile alloggiare per visitare il South Rim del Grand Canyon, di cui abbiamo già parlato. Tra Chicago e Springfield (quindi proprio nel primissimo tratto partendo da est) è possibile vedere emblemi che hanno reso unica Mother Road, come i Murales di Pontiac, o le icone che hanno fatto la storia, come il carro gigante dedicato a Lincoln, situato nella città che porta lo stesso nome, e il Rich and Creamy di Joliet, sul cui tetto sovrasta una enorme statua dei Blues Brothers. Vediamo meglio due di questi citati.

Murales di Pontiac

Visibili a Pontiac, in Illinois, nella Contea di Livingston, rappresentano scene storiche o rimaste nell’immaginario del luogo. Si tratta anche dei primi murales realizzati e mostrano tecniche in uso ancora oggi.

Rich and Creamy di Joliet

Nella cittadina di Joliet, capoluogo della Contea di Will, il Rich and Creamy è una storica gelateria dalle atmosfere un po’ vintage. I Blues Brothers vi ballano in cima avvolti da luci al neon. Il parco della Route 66, accanto, ha chioschi informativi che segnalano ai turisti le attrazioni del luogo.

Route 66: perché visitarla

La Route 66 può segnare piccoli o grandi on the road, a seconda delle possibilità e volontà di chi intraprende il percorso, e offre a chiunque un piccolo pezzo di un’America che ha formato un immaginario universale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.