Tikal: il sito Maya più esteso dell’america

Tikal è un luogo spettacolare da visitare se si vuole vedere una delle città in rovina più famose del periodo classico dei Maya. Si trova nel centro-settentrionale di Petén, in Guatemala, a circa 50 miglia a nord-ovest del confine con il Belize. Tikal è la più grande e forse la più antica delle città Maya. Situato in un’alta giungla a baldacchino, il sito comprende almeno 3.000 edifici, tra cui una manciata di templi straordinariamente alti che incombono sulla foresta. È costituito da nove gruppi di corti e piazze costruite su un terreno collinare sopra le paludi circostanti che, si pensa, siano state dei laghi in precedenza, interconnesse da ponti e strade rialzate. Il principale centro civico e religioso della città si estende per circa 500 acri.

Cenni storici su Tikal

Al suo apice circa 1.500 anni fa, Tikal ospitava circa 100.000 Maya. Oltre ai suoi numerosi templi e piramidi ben scavati, Tikal rappresenta un’eccellente opportunità per osservare gli animali e gli uccelli. Lungo i sentieri sono visibili al visitatore ragni di varia specie e scimmie urlatrici, volpi grigie ed altre specie animali caratteristiche della zona geografica.

Tra il 600 d.C. e l’800 d.C., per una moltitudine di ragioni, i grandi centri Maya delle pianure meridionali caddero in rovina, abbandonati e lasciati ad essere adottati dalla foresta pluviale circostante.

Molte teorie hanno cercato di spiegare questa interruzione, inclusa la sovrappopolazione, la rivolta della classe dei contadini e lavoratori o un numero qualsiasi di devastanti disastri naturali. Qualunque sia la ragione, il suo effetto più grave fu limitato alle regioni centrali e quindi le pianure settentrionali continuarono a prosperare durante quello che viene chiamato il periodo Tardo Classico.

I Maya

Gli antichi Maya non erano costruttori di imperi, come molte altre popolazioni indiane, o meglio, native. Invece, nonostante ciò, hanno formato commonwealth indipendenti insieme alla loro cultura comune, il calendario, la mitologia e la visione spirituale del mondo li unirono in grandi gruppi paragonabili alle odierne città.

Gli antichi Maya avevano una complessità di divinità che adoravano alle quali offrivano sacrifici umani oltre che animali.

Si credeva che i sovrani Maya fossero discendenti degli dei e il loro sangue reale era il sacrificio ideale.

La visione Maya dell’universo era divisa in più livelli, sopra e sotto la terra, posizionati all’interno delle quattro direzioni di nord, sud, est e ovest.

Architettura e cultura

Le strutture in pietra calcarea, rivestite con argilla, erano le etichette dell’antica architettura Maya. Essi hanno sviluppato diverse innovazioni costruttive uniche come, ad esempio, le tombe, che erano spesso racchiuse all’interno o sotto le strutture abitative delle famiglie. Spesso venivano costruiti nuovi templi su strutture esistenti ed oltre ai templi, la maggior parte dei siti Maya aveva strutture a più stanze che probabilmente fungevano da palazzi reali e centri per gli affari di governo.

La cultura Maya fiorì e continua ad esistere in una regione del Messico e dell’America Centrale, spesso chiamata Mesoamerica. Ciò include la penisola dello Yucatan e Tabasco e Chiapas dell’attuale Messico, Guatemala, Belize e le parti occidentali dell’Honduras e di El Salvador.

I Maya oggi

Dire che la civiltà Maya è scomparsa non è solo un’inesattezza, ma un grande disservizio per gli oltre 6 milioni di Maya che vivono oggi in Guatemala, Messico e Belize.

Mentre le città-stato delle pianure del periodo classico potrebbero essere state abbandonate nel X secolo, il popolo Maya non scomparve più degli italiani quando cadde l’Impero Romano. La moderna religione Maya è un colorato ibrido di cattolicesimo e antiche credenze e rituali. Oggi, i religiosi Maya adorano nei santuari delle montagne e delle grotte, facendo offerte di polli, candele e incenso con una bevanda alcolica rituale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.