Umbria: il polmone verde d’Italia

L’Umbria è una delle regioni più incantevoli dello stivale. Atipica e regale rappresenta non solo un polmone verde ma anche uno scrigno prezioso di cultura e bellezza artistica, architettonica e storica.

Un polmone verde che respira e fa respirare

Questa regione si sviluppa nel cuore della nazione e non ha sbocchi sul mare. Caratterizzata da foreste, montagne e panorami suggestivi confina a nord est e ad est le Marche, a nord ovest e ad ovest la Toscana e a sud il Lazio. Le sue dimensioni sono contenute ma in un’area relativamente piccola custodisce bellezze fuori dall’ordinario. Chi per la prima volta visita l’Umbria si ritrova immerso nella natura, anche le città come Perugia, Orvieto, Spoleto e Foligno appaiono come luoghi molto distanti dall’immaginario collettivo. I fitti boschi, le colline, e i borghi storici, rappresentano una grande ricchezza per queste terre. Infatti, oltre alle rinomate e conosciute città, mete turistiche ambite, esistono piccoli borghi altrettanto suggestivi e ricercati come Assisi, Gubbio, Spello, Norcia, Cascia, Trevi, Narni e Todi.

Perugia. La città che non ti aspettavi!

Perugia è il capoluogo umbro, una città dal passato importante! Sorge su un colle nella valle del Tevere ed oltre ad essere una celebre città d’arte, rinomato polo culturale e cuore nevralgico degli eventi nazionali e internazionali è anche la città adatta in cui studiare se si vuole fare un’esperienza fuori porta senza immergersi nel caos frenetico delle città metropolitane! Ha l’aspetto di un borgo medioevale fortificato, all’interno di una possente cinta muraria. Si accede nel centro storico seguendo la strada comune oppure attraversando una vera e propria fortezza “La Rocca Paolina”. Questo accesso porta a Piazza Italia che è collegata a Piazza IV Novembre da Corso Vannucci, cuore delle grandi firme e dei locali storici. Giunti alla piazza principale della città, un’immensa scalinata conduce alla cattedrale di San Lorenzo prospicente una grande fontana in pietra. Perugia è l’unica città d’Italia fornita di mini-metrò, una metropolitana sospesa che permette di raggiungere diversi punti della città collegandola con la periferia. Le cose da vedere sono veramente tante, dai chiostri che ospitano le università alle chiese che impreziosiscono la cittadina. L’unica cosa importante da sapere, per chi intende visitare o vivere Perugia, è che le scale da fare sono tante e che è preferibile muoversi a piedi!

Cose da vedere e da fare in Umbria: troppe ed eventuali

Sarebbe difficilissimo stilare un elenco di consigli utili legati alle cose da fare e ai luoghi da visitare nel territorio umbro ma possiamo comunque provarci.

  1. Cascata delle Marmore. Suggestiva, rinomata, indimenticabile da visitare assolutamente!
  2. Giro del Lago. L’Umbria non è bagnata dal mare ma ospita il Lago Trasimeno e le passeggiate al lungolago rasentano l’incanto!
  3. Se potete, visitateli tutti!
  4. Il paese dei fiori. Incantevole borgo medioevale che nella notte del Corpus domini si trasforma in un laboratorio artistico a cielo aperto per la realizzazione dei tappeti di fiori su cui avverrà il passaggio della processione.
  5. Ristoranti tipici. Impossibile vivere l’Umbria senza assaggiare le prelibatezze della cucina tipica locale.
  6. Meta conosciutissima nel repertorio del turismo religioso e artistico è un luogo da vedere almeno una volta nella vita!
  7. Famosa per la serie Don Matteo si presenta come luogo scenografico di grande fascino e bellezza. Da visitare!
  8. Castiglione del Lago. Si trova a 40 minuti di macchina da Perugia, incastonato tra le colline umbre si trova il Trasimeno lungo le cui sponde si affacciano diversi borghi medievali di infinita bellezza. Qui si trova il Palazzo della Corgna con gli affreschi del Pomarancio, la Rocca del Leone in tutta la sua grandezza e la Chiesa di Santa Maria Maddalena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.