Vogogna, il borgo medievale della Val d’Ossola

Vogogna è un piccolo comune situato nella Val d’Ossola, in Piemonte. Esso rientra tra i borghi più belli d’Italia ed è situato nel Parco Nazionale della ValGrande. Questo pittoresco borgo conserva intatto tutto il fascino di antico centro medioevale ed alcuni tesori nascosti rimasti celati fino ad oggi. Nel 2011 la città ha ricevuto la Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano.

Origini e storia di Vogogna, città un tempo appartenuta alla signoria dei Visconti

L’origine del nome Vogogna deriverebbe da Vallis Agonum, cioè villaggio degli Agoni, il popolo dei Galli che per primo si stanziò nella zona in cui sorge la bella Vogogna. In questo luogo vi si stabilirono i Romani come testimonia una lapide datata 196 d.C. in cui si fa riferimento alla realizzazione di una strada ed è in un documento del 970 d.C. che il paese viene menzionato per la prima volta.

E’ però intorno al ‘300 che Vogogna diviene uno dei centri politici ed amministrativi più importanti della Giurisdizione dell’Ossola inferiore. Risale a questo periodo, su iniziativa di Giovanni Visconti, Vescovo di Novara, la costruzione del Palazzo Pretorio, del Castello, come presidio miliare. Con la signoria dei Visconti, degli Sforza e dei Borromeo, Vogogna visse il periodo di massimo splendore che terminò con la dominazione spagnola e austriaca.

Cosa vedere a Vogogna

Nel centro storico di Vogogna si potrà ammirare il Palazzo Pretorio , costruito nel 1348 dal vescovo di Novara Giovanni Visconti come sede del Vicario. All’interno dell’edificio si trova il cosiddetto Mascherone Celtico, originariamente posto nel cortile della Chiesa di San Pietro dove era inglobato in una fontana. Intorno al Palazzo si trovano invece le dimore più signorili del borgo come Villa Biraghi Lossetti. Da non perdere anche la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù e la Casa Marchesa, la più antica dimora nobiliare del borgo.

Il centro storico è ricco di monumenti e chiese religiose come la Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, costruita nel 1904. In stile neo-gotico, ospita al suo interno importanti arredi in legno ed in marmo appartenuti alla Chiesa parrocchiale dei SS Giacomo e Cristoforo.

Il Castello Visconteo è un altro importantissimo monumento edificato sempre da Giovanni Visconti nel 1344. La parte più antica è la torre quadrata, risalente intorno all’anno 1000, a cui venne aggiunta la struttura a pianta irregolare che ospitava le cucine e le camerate dei soldati. Oggi il Castello ospita due meravigliose mostre intitolate rispettivamente “Tempo di Lupi. La storia di un ritorno” e “Il soldatino di piombo”.

Presso i dintorni di Vogogna è possibile ammirare invece i resti della strada romana al Masone e i resti dell’antico pontile d’attracco dei traghetti per l’attraversamento del Toce. Tra le città vicine meritano una visita Domodossola e alcuni dei suggestivi centri che si affacciano sul Lago Maggiore ed il Lago d’Orta. Passeggiare tra i vicoletti e sul lungolago sarà rigenerante e magnifico!

Sono possibili inoltre escursioni in scenari suggestivi immersi nella natura del Parco Nazionale della Valgrande con panorami spettacolari e viste mozzafiato su una delle vette più alte d’Italia, il Monte Rosa.

Vogogna: non solo arte medievale, ma buona cucina

Non si può visitare Vogogna senza aver provato una delle specialità tipiche di questa città. Gli gnocchi all’ossolana sono tra i piatti più noti della cucina tradizionale del borgo. L’impasto della pasta è ricavato da una farina di castagne, zucca e passata di patate lesse, e sono generalmente serviti con burro fuso e formaggio del posto. Per un brunch o aperitivo leggero è consigliato invece godersi un bel mix di salumi e formaggi del posto che inonderanno il palato di sapori nuovi e particolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.